In bici da Bolzano ad Assisi lungo le vie delle fontane e dei grandi fiumi

Posted on

Iniziativa ecologica a difesa dell’acqua come un Bene Pubblico primario

I componenti del viaggio: Fabio Martorano, Luigi Leveghi, Guido Brisighella ed Emilio Governo.

Si è concluso di recente il viaggio di 4 ciclisti bolzanini fatto ad Assisi per sensibilizzare il valore dell’acqua come “Bene comune primario ed essenziale alla vita dell’uomo. Come tale non privatizzabile, né commerciabile” secondo gli insegnamenti e le lodi di San Francesco.

L’arrivo dei ciclisti ad Assisi.

Con questo spirito e ideale di fondo i biker hanno voluto ripercorrere quell’antico percorso, utilizzato dai pellegrini e riconosciuto come “la via delle fontane lungo i grandi fiumi”. Un tragitto che attraversava i paesi delle valli dell’Adige, del Po e del Tevere e giungeva a Roma passando per Assisi. E proprio ad Assisi si è concretizzato lo scopo del viaggio: ricordare gli insegnamenti e le lodi di San Francesco, il più grande ecologista di tutti i tempi. Il Santo infatti, oltre a essere il Patrono d’Italia (sarebbe doveroso ricordarlo anche per il 150° anniversario dell’Unità del nostro Paese), nel 1979 è stato anche eletto Patrono degli Ecologisti da Giovanni Paolo II. Tra le sue lodi all’Altissimo Onnipotente bon Signore e al suo Creato, San Francesco dedicò all’acqua ampia e profonda considerazione. La chiamò “Sorella Acqua” e la definì “utile, umile, preziosa e casta”. E’ sembrato doveroso ai 4 ciclisti, richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica su tali parole e insegnamenti, ripercorrendo in bici la via delle fontane e dei grandi fiumi proprio alla vigilia di un appuntamento così importante per il nostro Paese, quale appunto il Referendum sull’acqua e per il quale lo stesso Benedetto XVI si è esposto in prima persona definendo l’acqua “un diritto primario della vita universale di tutti gli esseri umani senza distinzioni e discriminazioni. Per raggiungere la meta i quattro ciclisti hanno voluto servirsi nei cinque giorni di viaggio e nei 620 Km del tragitto, solo dell’acqua pubblica delle fontane dislocate nei paesi e città che attraversavano. Dal Trentino al Veneto,

Vincenzo Menichini (secondo da sinistra) guida i ciclisti alla visita di Montefalco

dall’Emilia alla Romagna e lungo gli Appennini della Toscana e dell’Umbria, ogni centro abitato ha saputo ideare nel tempo una rete di fontane pubbliche semplici e funzionali e metterle a disposizione della comunità, nel segno della solidarietà, dell’amore per il prossimo e della pace. All’arrivo ad Assisi, finalmente l’incontro e la foto ricordo presso la Fontana delle 26 Cannelle con suor Lucia, madre dell’Istituto delle Suore Clarisse Apostoliche della SS. Basilica degli Angeli. Poi il signor Vincenzo Menichini di Foligno si è messo gentilmente a disposizione dei ciclisti reperendo sia l’alloggio presso l’albergo “Da Angelo”, struttura nota per aver ospitato ad Assisi nel novembre 1969, l’allora Arcivescovo di Krakovia, il Cardinale Karol Wojtyla e tre suoi vescovi connazionali, sia facendo da guida ai ciclisti nei 2 giorni successivi nella visita ad alcuni centri storici dei dintorni (Spello, Foligno, Bevagna, Montefalco).

Un ringraziamento a tutti i collaboratori che si sono adoperati per questo felice progetto.

_______________________________________________________________________________

Altre immagini del viaggio

AssisiBici

Assisi in Bici

         

Premendo FS = Schermo Intero

Premendo SL= Presentazione automatica (questo bottone potete attivarlo anche quando è schermo intero)

Premento i = Informazioni su foto (piu qualche volta una sorpresa)

———————–

Creative Commons License
Quest’opera by WIP è licenziata sotto Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.

Le autorizzazioni al di là della portata di questa licenza può essere richiesta a wip@willispower.it